TRAVOLTA DA UN INSOLITO DESTINO


http://ceranounavolta1000colori.myblog.it/media/01/00/4a1e398def0954efb5369b62b735c55a.mp3
 

1f1dab2da0c28d0d4719c8752a6ebe5f.jpgLe sensazioni che si realizzano. L’incubo che diventa realtà.
Gli sforzi che non sono valsi a niente… fine.
Se avessi sbagliato qualcosa allora sarebbe tutto più semplice. Avrei una giustificazione, avrei un appiglio. Ma so di aver fatto tutto nei migliori dei modi… so di aver cercato di portarti il sole, so che  i tuoi giorni bui all’inizio imbuivano anche me… ma poi ho cominciato a capire: la giostra sale e scende. Ed avevo imparato a starti accanto anche nelle discese. Ma tu no… mentre io mi sforzavo di farti sorridere, decidevi che non era giusto farmi scendere insieme a te. Tu decidevi che dovevi uscirne solo.
Le tue parole mi hanno fatto cadere dalle nuvole. Le tue parole mi turbinano ancora in testa. E rivedo tutto: tu che parli e io che non ti guardo. Io e la mia immagine riflessa allo specchio: le mie dita che attorcigliano i capelli sempre più velocemente; i miei occhi che si fanno sempre più rossi e fissano sempre lo stesso punto; tu che parli, parli, continui a parlare, continui a dire che non sono io il problema, anzi…che sono stata l’unica che ha cercato di farti stare bene, l’unica che è riuscita a farti ridere. Pensa: tutto questo non mi fa stare bene. Se è possibile mi fa stare peggio. Non aver sbagliato e dover soffrire lo stesso, sempre, di più.
Se ti odiassi forse sarebbe tutto più semplice… invece no.
L’ultimo abbraccio. Quelle parole che non ti dico, gli occhi rivolti dall’altra parte e la porta che si chiude…

TRAVOLTA DA UN INSOLITO DESTINOultima modifica: 2008-03-09T20:15:00+01:00da eury85
Reposta per primo quest’articolo

8 pensieri su “TRAVOLTA DA UN INSOLITO DESTINO

Lascia un commento